Salta al contenuto principale
Gastroenterologia
Aree di competenza

Condizioni gastrointestinali e carenza di ferro con o senza anemia

“Condizioni gastrointestinali e anemia da carenza di ferro. Quando prestarvi attenzione”

L’anemia da carenza di ferro (ACF) nelle condizioni gastrointestinali

Vi sono vari condizioni e fattori gastrointestinali (GI) che favoriscono un maggior rischio di carenza di ferro. L’assorbimento del ferro dietetico avviene principalmente nel duodeno e nel tratto superiore del digiuno e pertanto una disfunzione di questi apparati può causare un cattivo assorbimento del ferro e una carenza di quest’ultimo.  Inoltre, il tratto digerente è una sede normale di emorragie croniche che possono esaurire le scorte di ferro dell’organismo.

Le condizioni gastrointestinali che favoriscono un maggior rischio di anemia da carenza di ferro comprendono ulcere gastriche, tumori gastrointestinali e assunzione cronica di medicamenti antinfiammatori non steroidei (FANS), oltre a malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI), celiachia22 e chirurgia bariatrica.2

MICI

La malattia infiammatoria cronica intestinale (MICI) fa riferimento alla colite ulcerosa e alla malattia di Crohn, due malattie autoimmuni che causano infiammazione del tratto digerente. La colite ulcerosa colpisce solo il colon (intestino crasso), mentre la malattia di Crohn può colpire qualsiasi parte del tratto digerente, dalla bocca all’ano.3

Un sintomo importante della MICI è il sanguinamento intestinale che può presentarsi come perdita di sangue occulto nei pazienti con malattia di Crohn e manifestarsi con visibile emorragia nella colite ulcerosa.4

La carenza di ferro nella MICI può inoltre essere il risultato di un’infiammazione in grado di diminuire l’assorbimento di ferro dal cibo e da integratori di ferro per via orale (mediante aumentato rilascio di epcidina).5

Il 45% dei soggetti con MICI soffre di carenza di ferro (CF).6

Celiachia

La celiachia, nota anche come enteropatia sensibile al glutine, è una malattia infiammatoria dell’intestino tenue.7

La celiachia causa un’infiammazione cronica dell’intestino tenue dopo ingestione di glutine, dando origine ad atrofia dei villi e all’appiattimento della mucosa.7,8 Questa situazione può diminuire l’assorbimento di ferro e di altre sostanze nutritive quali acido folico e vitamina B12 provenienti dal regime alimentare.7,9 Causa inoltre perdita di sangue occulto dal tratto gastrointestinale nel 25-54% dei soggetti con celiachia.10

La diffusione dell’ACF nei celiaci è di circa il 10-15%.11

Tale percentuale può salire tra il 32 e il 69% se si prendono in considerazione la carenza di ferro o l’anemia.22

Chirurgia bariatrica

La chirurgia bariatrica si occupa del trattamento di pazienti affetti da obesità. Essa comprende il bendaggio gastrico, il bypass gastrico, la diversione biliopancreatica con duodenal switch (inversione del duodeno). Ogni tipo di chirurgia gastrica presenta un diverso rischio di carenza di ferro. In genere, è più probabile che siano le procedure di bypass gastrico a causare una carenza di ferro rispetto ai bendaggi gastrici.2

Sia i bendaggi gastrici, sia il bypass gastrico riducono la produzione di acido gastrico richiesto per convertire il ferro non eme (ossia il ferro presente in fonti che non siano carne, ma verdure, cereali arricchiti, ecc.) in forma assorbibile.12 Anche le procedure di bypass gastrico possono causare un cattivo assorbimento escludendo le parti intestinali dove l’assorbimento del ferro avviene in modo naturale.13 Inoltre, alcuni pazienti possono diminuire l’assunzione di alcuni cibi ricchi di ferro, specialmente la carne rossa, non essendo più in grado di tollerarli.12

Il cinquanta percento di coloro che sono stati sottoposti a bypass gastrico accuserà carenza di ferro entro un anno dall’intervento. Tale percentuale sale al 62% (a seconda del tipo di intervento) nel giro di 4-12 anni dopo l’intervento stesso.14

Altri disturbi di emorragia gastrointestinale

Anche qualsiasi altra causa di emorragia interna al tratto gastrointestinale può causare carenza di ferro. Per esempio, l’ulcerazione peptica comprendente le ulcere duodenali, gastriche e anastomotiche può verificarsi in pazienti con ACF.15 Ulteriori cause di emorragia gastrointestinale sono rappresentate da angiodisplasia e tumori colonrettali.16,17,23

L’importanza di trattare l’ACF nei pazienti con disturbi del tratto digerente

La carenza di ferro senza anemia può essere associata a spossatezza23, sindrome delle gambe senza riposo24, prestazioni fisiche compromesse25, funzionalità cognitiva compromessa26,27 , alopecia28 e alterazione della temperatura corporea29. Quando la carenza di ferro si tramuta in ACF, altri sintomi possono essere cefalea, vertigini, tachicardia e dispnea.18

La complicazione sistemica più comune nei pazienti con MICI è l’anemia.19 , 18 , 20 , 21 Gli effetti negativi dell’anemia in questi casi sono considerevoli20:

  • Compromissione della qualità di vita (fisica, emozionale, cognitiva) e abilità al lavoro
  • Ricoveri ospedalieri più frequenti
  • Maggiori costi del trattamento

Per questo motivo, l'Organizzazione europea per il Crohn e la Colite (ECCO) raccomanda, nelle attuali linee guida, di verificare lo stato del ferro nei pazienti con MICI e di trattarne regolarmente la carenza.20

Gastroenterologia: rispetto al trattamento con ferro per via endovenosa, il trattamento orale invecchia chiaramente il microbiota intestinale e il metaboloma nei pazienti con IBD.30

Riferimenti

  1. NHS. Iron deficiency anaemia – Causes. http://www.nhs.uk/Conditions/Anaemia-iron-deficiency-/Pages/Causes.aspx (accessed March 2016).
  2. Love AL & Billett HH. Obesity, bariatric surgery, and iron deficiency: true, true, true and related. Am J Hematol 2008; 83(5): 403-9.
  3. Baumgart DC, Sandborn WJ. Inflammatory bowel disease: clinical aspects and established and evolving therapies. Lancet. 2007 May 12;369(9573):1641-57.
  4. Gasche C. Anemia in IBD: the overlooked villain. Inflamm Bowel Dis 2000; 6(2): 142-150.
  5. Rayan Bou-Fakhredin, Racha Halawi, Joseph Roumi & Ali Taher (2017): Insights into the Diagnosis and Management of Iron Deficiency in Inflammatory Bowel Disease, Expert Review of Hematology, DOI: 10.1080/17474086.2017.1355233.
  6. Gisbert JP et F Gomollón. Common misconceptions in the diagnosis and management of anemia in inflammatory bowel disease. Am J Gastroenterol. 2008 May;103(5):1299-307. doi: 10.1111/j.1572-0241.2008.01846.x
  7. Nelsen D. Gluten-sensitive enteropathy (celiac disease): more common than you think. Am Fam Physician 2002; 66(12): 2259-66.
  8. Sollid LM. Coeliac disease: dissecting a complex inflammatory disorder. Nat Rev Immunol 2002; 2(9): 647-55.
  9. Halfdanarson TR et al. Hematologic manifestations of celiac disease. Blood 2007; 109(2): 412-21.
  10. Fine KD. The prevalence of occult gastrointestinal bleeding in celiac sprue. N Engl J Med 1996; 334(18): 1163-7.
  11. Presutti RJ et al. Celiac disease. Am Fam Physician 2007; 76(12): 1795-802.
  12. Shah M et al. Review: long-term impact of bariatric surgery on body weight, comorbidities, and nutritional status. J Clin Endocrinol Metab 2006; 91(11): 4223-31.
  13. Warsch S & Byrnes J. Emerging causes of iron deficiency anemia refractory to oral iron supplementation. World J Gastrointest Pharmacol Ther 2013; 4(3): 49-53.
  14. Jáuregui-Lobera I. Iron deficiency and bariatric surgery. Nutrients 2013; 5(5): 1595-608.
  15. Rockey D & Cello D. Evaluation of the gastrointestinal tract in patients with iron-deficiency anemia. N Engl J Med 1993; 329(23): 1691-1695.
  16. Tung KT & Millar AB. Gastric angiodysplasia--a missed cause of gastrointestinal bleeding. Postgrad Med J 1987; 63: 865-866.
  17. Aapro M et al. Prevalence and management of cancer-related anaemia, iron deficiency and the specific role of i.v. iron. Ann Oncol 2012; 23(8): 1954-62.
  18. Stein J, Dignass AU. Management of iron deficiency anemia in inflammatory bowel disease – a practical approach. Ann.s of Gastroenterol. 2013; 26(2):104-13.
  19. Hastka H, Heimpel H, Metzgeroth G, et al. DGHO Leitlinie Eisenmangel und Eisenmangelanämie. Onkopedia 2011; 1-24.
  20. Dignass AU et al. European consensus on the diagnosis and management of iron deficiency and anaemia in inflammatory bowel diseases. J Crohns Colitis. 2015 Mar;9(3):211-22. doi: 10.1093/ecco-jcc/jju009. Epub 2014 Dec 3.
  21. Evstatiev R, Marteau P, Iqbal T, et al. FERGIcor, a randomized controlled trial on ferric carboxymaltose for iron deficiency anemia in inflammatory bowel disease. Gastroenterology. 2011; 141(3):846-853.
  22. Stein J, Connor S, Virgin G, et al. Anemia and iron deficiency in gastrointestinal and liver conditions. World J Gastroenterol. 2016 Sep 21;22(35):7908-25.
  23. Verdon F et al. Iron supplementation for unexplained fatigue in non-anaemic women: double blind randomized placebo controlled trial. BMJ 2003, 326: 1124-1126.
  24. Allen RP et al. Evidence-based and consensus clinical practice guidelines for the iron treatment of restless legs syndrome/Willis-Ekbom disease in adults and children: an IRLSSG task force report. Sleep Med. 2018, 41, 27-44.
  25. Brownlie T, Utermohlen V, Hinton PS, et al. Tissue iron deficiency without anemia impairs adaptation in endurance capacity after aerobic training in previously untrained women. Am J Clin Nutr 2004;79:437–443.
  26. Gasche C, Lomer MC, Cavill I, et al. Iron, anaemia, and inflammatory bowel diseases. Gut 2004;53:1190–1197.
  27. Bruner AB, Joffe A, Duggan AK, et al. Randomised study of cognitive effects of iron supplementation in non-anaemic iron-deficient adolescent girls. Lancet 1996;348:992–996.
  28. Deloche C et al. Low iron stores: a risk factor for excessive hair loss in non-menopausal women. Eur J Dermatol 2007;17:507-512.
  29. Martines-Torres C et al. Effect of exposure to low temperature on normal and iron-deficient subjects. On J Physiol 1984, 246: R380-R383.
  30. Lee T et al. Oral versus intravenous iron replacement therapy distinctly alters the gut microbiota and metabolome in patients with IBD. Gut. 2017 May;66(5):863-871
Gastroenterologia & carenza di ferro | Ferinject CH
Conoscere le condizioni gastrointestinali multiple (GI) e i fattori che portano ad un aumento del rischio di carenza di ferro.